Now Reading
Covid-19: misure di emergenza per aiutare gli agricoltori e i pescatori dell’UE.

Covid-19: misure di emergenza per aiutare gli agricoltori e i pescatori dell’UE.

Avatar

L’UE ha approvato misure di emergenza per aiutare gli agricoltori e i pescatori colpiti dalla pandemia di Coronavirus.

La redazione.

Al fine di evitare l’interruzione delle forniture alimentari, l’UE ha adottato misure urgenti per sostenere i produttori alimentari.

Principali problemi affrontati dai produttori della filiera alimentare.

Mentre i ritardi nei flussi transfrontalieri di merci agricole sono stati risolti con l‘introduzione delle cosiddette corsie verdi, che consentono la circolazione di veicoli che trasportano merci deteriorabili, i settori dell’acquacoltura, dell’agricoltura e della pesca devono ancora affrontare gravi difficoltà.

I produttori alimentari affrontano carenze di manodopera a causa della sospensione della libera circolazione dei lavoratori stagionali, sui quali molte aziende agroalimentari fanno affidamento ogni anno. La Commissione europea ha affermato che possono essere considerati lavoratori critici, ma comprensibilmente molti non desiderano uscire di casa. La riduzione della produzione potrebbe a sua volta avere un impatto sui prezzi. Inoltre, il settore agricolo ha perso clienti importanti con la chiusura di hotel e ristoranti.

Sostegno ai pescatori e all’acquacoltura.

Durante la sessione plenaria del 17 aprile, i deputati hanno approvato l’assistenza finanziaria per le comunità di pescatori colpite duramente e gli operatori addetti all’acquacoltura. La pesca sta incontrando difficoltà logistiche nei porti, aumento dei prezzi del trasporto di prodotti ittici, restrizioni commerciali con i paesi terzi, un crollo dei prezzi, perdita di mercati, preoccupazioni sulla sicurezza dell’equipaggio e possibilità limitate di rotazione dell’equipaggio stesso in presenza di quarantene.

Una serie di misure di emergenza aiuterà i settori, tra cui maggiori possibilità di aiuti di Stato e l’introduzione di misure di sostegno attraverso il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, che saranno resi più flessibili.

I paesi dell’UE saranno in grado di fornire supporto a:

  • Pescatori per la cessazione temporanea delle attività di pesca.
  • Addetti all’acquacoltura per la sospensione o la riduzione temporanea della produzione.
  • Organizzazioni di produttori per lo stoccaggio temporaneo di prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

In che modo l’UE aiuterà gli agricoltori?

See Also

Il 15 aprile la commissione per l’agricoltura del Parlamento ha accolto con favore i piani della Commissione per aiutare il settore agroalimentare. I deputati hanno anche chiesto l’attivazione della riserva di crisi per aiutare i settori agricoli in difficoltà e hanno affermato che la politica agricola dell’UE avrà bisogno di un adeguato sostegno di bilancio a lungo termine nel periodo post-Covid.

Tra le misure figurano la riassegnazione di fondi agricoli non utilizzati per combattere gli effetti della crisi nelle zone rurali. Un fondo agricolo europeo più flessibile e semplificato per lo sviluppo rurale consentirà prestiti o garanzie a condizioni favorevoli quali tassi di interesse molto bassi o piani di pagamento favorevoli per coprire costi operativi fino a € 200.000.

La Commissione ha inoltre proposto di ridurre il numero di controlli fisici in azienda, di prorogare il termine per gli agricoltori di richiedere pagamenti diretti e pagamenti per lo sviluppo rurale di un mese al 15 giugno 2020 e di aumentare gli anticipi di tali pagamenti da metà ottobre .

Per quanto riguarda i lavoratori stagionali, che sono cruciali per la semina, la cura e la raccolta, i paesi dell’UE sono incoraggiati a trattarli come lavoratori critici, scambiare informazioni sulle loro esigenze e agevolare l’attraverso delle frontiere.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°6 Giugno 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top