Now Reading
L’importanza dei satelliti nel monitoraggio dell’inquinamento al suolo.

L’importanza dei satelliti nel monitoraggio dell’inquinamento al suolo.

Avatar

Sentinel 5P rivela dati e danni provocati da una esplosione di gas metano  avvenuta nel febbraio 2018.

La redazione.

I dati del satellite Copernicus Sentinel-5P hanno rivelato che un’esplosione, in un pozzo di gas naturale nell’Ohio nel febbraio 2018, ha rilasciato nell’atmosfera più di 50.000 tonnellate di metano. Lo scoppio ha fatto uscire più gas in 20 giorni che quello emesso da tutte le nazioni europee in un anno.

I risultati sono stati pubblicati il 17 dicembre in uno studio della National Academy of Sciences e lo studio rivela l’importanza di utilizzare i dati satellitari per rilevare e quantificare gli inquinanti come il metano. I dati dello strumento Tropomi di Copernicus Sentinel-5P hanno rivelato che, a causa dell’esplosione, sono state emesse 120 tonnellate di metano all’ora.

La posizione dell’esplosione è contrassegnata da un punto nero nell’immagine e mostra le emissioni di metano prima e dopo lo scoppio. La freccia nera indica la direzione del vento e la direzione del pennacchio di metano.

Claus Zehner, responsabile della missione Copernicus Sentinel-5P dell’ESA, commenta: “Queste misurazioni di Sentinel-5P mostrano che i satelliti possono misurare le concentrazioni di gas serra emessi da una fonte ben precisa. Le capacità del satellite saranno ulteriormente sfruttate con l’imminente missione di monitoraggio del biossido di carbonio di Copernicus “.

See Also

Mentre l’anidride carbonica è più abbondante nell’atmosfera e quindi più comunemente associata al riscaldamento globale, il metano è circa 30 volte più potente di un gas che intrappola il calore. Di solito raggiunge l’atmosfera principalmente dalle emissioni dell’industria dei combustibili fossili, dalle discariche, dall’allevamento di bestiame, dall’agricoltura del riso e dalle zone umide – ma può anche essere rilasciato durante l’estrazione di petrolio e del gas.

Sentinel-5P, con il suo strumento all’avanguardia Tropomi, può anche mappare altri inquinanti come biossido di azoto, monossido di carbonio, anidride solforosa e aerosol, tutti fattori che influenzano tanto l’aria che respiriamo e quanto il nostro clima.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°6 Giugno 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top