Acqua come barriera ai contagi da Covid-19.

Il dato fatto che oggi 2,2 miliardi di persone nel mondo continuino a non aver accesso all’acqua potabile e 4,2 miliardi siano privi di servizi sanitari costituisce un freno alla vittoria definitiva contro il Coronavirus.

di Gianfranco Nitti.

L’impatto dei dati di accesso all’acqua sulla mortalità, specialmente infantile, è devastante, e causa il diffondersi di malattie quali il colera, o il coronavirus. Risolvere un problema che sta alla base del sottosviluppo, e che con i cambiamenti climatici potrà solo ingigantirsi, è l’obiettivo della Water Academy, che – con il sostegno della Fao – offre formazione ad hoc ai dirigenti di Stati e governi nella gestione delle risorse idriche.

Il 20 Novembre 2020 alle 10.30 CET Time è stata trasmesso online la nuova edizione dell’High Level Round Table Symposium:

WASH away COVID 19 and other Pandemics

La nuova edizione del tradizionale evento interdisciplinare organizzato da Water Academy for a Sustainable and Responsible Development (SRD) ha indagato scientificamente la complessa interazione esistente fra le pandemie di natura virale e l’acqua. Oltre a scienziati e ricercatori, hanno partecipato anche esponenti delle Organizzazioni Multilaterali che hanno confrontato le rispettive posizioni per far comprendere l’importanza della disponibilità e dell’accesso all’acqua anche come elemento fondamentale per la prevenzione delle tante epidemie virali che colpiscono un numero crescente di persone nel mondo. Partendo dalle considerazioni sullo stato di avanzamento dell’iniziativa WASH (Water Sanitation and Hygiene) lanciata dall’ONU negli anni scorsi, il Simposio ha fatto il punto proprio sull’interazione fra risorse Idriche, prevenzione e profilassi sanitarie evidenziando i diversi squilibri esistenti a livello internazionale. Con il consueto approccio olistico che trova espressione nella Geneva Water Initiative lanciata proprio da Water Academy SRD nel 2017, i relatori hanno messo a disposizione le loro specifiche esperienze per proporre una politica condivisa funzionale ad una più approfondita comprensione del ruolo delle risorse idriche a livello sociale, sanitario ed economico. Con il sostegno della Fao, Wasrd organizza master universitari, pubblicazioni, simposi e conferenze internazionali, e fa consulenza a governi, enti pubblici, istituzioni, ong. Gli ultimi progetti avviati hanno cambiato la vita di migliaia di persone a Capo Verde e in Somalia (Progetto TOP). Main sponsor delle attività di WaterAccademy, che organizza master frequentati quasi unicamente da ragazzi di Paesi emergenti premiati da Borse di Studio, è la Banca Svizzera Ceresio Investors. 

Presidenti del We-mposium 2020 sono Alessandro Leto Direttore di water Academy SRD e Federico properzi CTA di UN Water.

pubblicità

Lascia un commento