Anche senza internet Bitcoin va avanti.

Il 22 luglio Playstation, Steam, BBVA bank, Delta Airlines, British Airways e altri 30.000 siti web sono rimasti senza connessione alla rete. Tranne Bitcoin.

Redazione.

Il problema sembra essere stato di Akamai, uno dei più grandi provider di hosting al mondo L’azienda ha dichiarato:

“Siamo a conoscenza di un problema con il servizio Edge DNS. Stiamo indagando attivamente per risolvere l’anomalia”.

L’edge computing è una tecnologia che promette di fornire una consegna dei dati più rapida, tuttavia questa è già la seconda grande interruzione che sembra potersi ricondurre ad essa, il mese scorso è toccato ai media.

Ora, resta da vedere quale sia stato il vero problema di Akamai, che non ha toccato Bitcoin grazie alla sua natura peer to peer. La criptovaluta per eccellenza non è stata affatto influenzata da questa o da altre interruzioni di Internet, continuando a funzionare mentre alcune banche e servizi erano inaccessibili.

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *