Now Reading
COVID-19, Comandini: “Fase due, l’Italia scelga l’innovazione”.

COVID-19, Comandini: “Fase due, l’Italia scelga l’innovazione”.

Avatar

Si è tenuto il secondo appuntamento di Challenges, la diretta Instagram trasmessa dai profili di Josas Immobiliare, la nota boutique di broker immobiliari leader nel settore commercial real estate e profondi conoscitori del comparto su Roma, su Milano e in tutta Italia.

La redazione.

La nuova occasione di confronto fra professionisti e grandi personalità delle istituzioni e dell’economia punta a svelare le potenzialità celate del nostro paese e ad essere un’occasione per vivere i tempi del lockdown da Coronavirus non come un problema, ma come un’occasione per ripartire ancora più forti quando i giorni difficili saranno finiti: filosofia, questa, al cuore dello stile di lavoro di Josas. Da sempre promotori di originalità e di approcci innovativi alla comunicazione e al business, l’agenzia immobiliare con sede in via di Fontanella di Borghese a Roma ha così dialogato con Gian Luca Comandini, divulgatore tecnologico, professore universitario, principale esperto italiano di blockchain e inserito nella lista degli under-30 più promettenti dalla rivista Forbes.

“Dobbiamo partire da questo presupposto: fra settembre e ottobre i dati già ci dicono che un 10 -15% di aziende non ci saranno più. Esploderà una bomba sociale”, ha spiegato Comandini rispondendo alle domande di Raffaele Rubin, broker, fondatore e partner di Josas: “La tecnologia ci potrà aiutare a evitare i futuri momenti difficili, ma c’è da dire che il nostro è un paese storicamente in grande ritardo tecnologico. Questa è una crisi che si ripercuoterà sui prossimi anni, come fu per il 2008, allora è evidente che tutti insieme dobbiamo avere comportamenti nuovi e puntare sull’innovazione; ma l’Italia è un paese anagraficamente anziano in cui, se parli di questi temi, vieni quasi mangiato vivo da chi ti accusa di star erodendo quote di mercato o rendite di posizione. Abbiamo già dimostrato di essere un paese senza memoria e se non stiamo attenti rifaremo gli stessi errori”.

See Also

“Hai perfettamente ragione”, ha aggiunto Raffaele Rubin: “In Italia dobbiamo accelerare sulla tecnologia, siamo troppo indietro nonostante il nostro paese abbia grandi eccellenze. Ad esempio sento spesso dire che l’online, l’e-commerce, siano un fattore per così dire “nemico” dell’esperienza di negozio e del retail ma non è così, fra i due elementi c’è una stretta complementarietà, sono due canali che insieme costruiscono un business migliore. I clienti, gli amanti dello shopping non rinunceranno mai all’esperienza di acquisto in boutique, soprattutto per quanto riguarda alcuni specifici acquisti luxury; il digitale può essere d’aiuto al commercio e ai negozi per offrire al cliente il massimo”. Risponde Comandini: “È certamente così, c’è una sinergia; io che sono il primo a diffondere ovunque i pregi delle nuove tecnologie e del digitale, in questi giorni di lezioni in videoconferenza mi accorgo di quanto tutto suoni diverso. Lo sviluppo tecnologico è importante ma dobbiamo costruirlo in maniera tale che il fattore umano resti sempre insostituibile”.

Spazio anche all’Italia che si incammina fuori dalla quarantena: “Su questo”, precisa Rubin, “è cruciale che il governo ci dia al più presto delle notizie sulla tempistica e sulle condizioni di ripartenza. Le banche e gli operatori economici attendono indicazioni precise che aiutino il paese a percorrere il sentiero della fase 2”. Anche su questo la tecnologia è protagonista; si discute da giorni, infatti, sulle cosiddette app di tracciamento e Gian Luca Comandini si inserisce: “La app ‘Immuni’ è stata sviluppata da persone geniali, Bending Spoons è la quarta società al mondo di app developer, una punta di diamante italiana che ha scelto per patriottismo di mettersi gratuitamente a servizio del paese. È stato fatto un bando pubblico per 400 aziende e questa app è stata offerta a titolo gratuito: sono imprenditori italiani che ci stanno anche rimettendo dei soldi. Di nuovo vediamo quanti danni possano fare l’invidia e la rabbia se arrivano prima delle sperimentazioni e delle evidenze empiriche e questo è un problema serio per la collettività: si crea un clima in cui nessun imprenditore di talento sarà mai invogliato a contribuire”.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°5 Maggio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top