Diritti umani nello spazio.

Nell’immagine all’interno dell’articolo scattata nel 2008, i membri dell’equipaggio della Spedizione 18 Sandra Magnus, Mike Fincke e Yury Lonchakov mostrano la Dichiarazione universale dei diritti umani all’interno del laboratorio europeo Columbus della Stazione Spaziale Internazionale.

Redazione.

In questo particolare anno caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, mentre la Stazione celebra i 20 anni di attività, ricordiamo la capacità dell’umanità intera di unirsi per una giusta causa comune.

I documenti sono stati trasportati nello spazio sullo Space Shuttle Endeavour il 15 novembre 2008 come parte di un calendario di celebrazioni lungo un anno per celebrare i 60 anni da quando la Dichiarazione è stata adottata per la prima volta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite al Palais de Chaillot a Parigi, Francia. Sono immagazzinati in modo permanente nel modulo europeo Columbus, installato pochi mesi prima, nel febbraio 2008.

Oggi segna 20 anni da quando il primo equipaggio ha preso residenza sulla Stazione Spaziale Internazionale. Da allora, 240 persone, tra cui 18 astronauti dell’ESA, hanno vissuto e lavorato nell’avamposto orbitale, svolgendo ricerche essenziali a beneficio della vita sulla Terra.

L’opera di ingegneria, ora grande come un campo da calcio, è iniziata con solo tre moduli: il carico russo Zarya e i moduli di servizio Zvezda e il modulo Unità degli Stati Uniti. Sono stati necessari 42 voli di assemblaggio per la consegna di tutti i grandi moduli e altri pezzi della Stazione: 37 sono stati consegnati con le navette spaziali della NASA e cinque con i razzi russi Proton / Soyuz.

Il laboratorio europeo, Columbus, è stato lanciato nella Stazione nel 2008 e la finestra Cupola costruita in Europa che fornisce le viste a 360 gradi della Terra che conosciamo e amiamo oggi è stata aggiunta nel 2010.

La Stazione Spaziale orbita intorno alla Terra a una velocità di circa 27.580 km / h, il che significa che gli astronauti che vivono e lavorano a bordo sperimentano 16 albe e 16 tramonti ogni 24 ore. Ha ospitato oltre 26 missioni europee e sostenuto oltre 2700 esperimenti internazionali per migliorare la vita sulla Terra e nello spazio.

Il prossimo europeo a volare sulla Stazione Spaziale è l’astronauta dell’ESA Thomas Pesquet . Thomas volerà alla Stazione per la sua missione Alpha nel 2021, diventando il primo europeo a volare su una navicella spaziale SpaceX Crew Dragon.

pubblicità

Lascia un commento