Now Reading
Formare gli specialisti della sicurezza informatica è diventato un imperativo.

Formare gli specialisti della sicurezza informatica è diventato un imperativo.

Avatar

La carenza sul mercato di specialisti della sicurezza informatica, già evidente negli ultimi anni, è diventata particolarmente problematica nel 2020 specie in epoca di pandemia.

Redazione. (dal blog di Kaspersky)

La pandemia, che ha costretto in molti a passare allo smart working, ha anche evidenziato la necessità di cambiare le strategie di sicurezza in molte aziende. Anche le piccole imprese si sono rese conto che le competenze dei loro amministratori IT non sono più sufficienti per garantire la continuità del business e proteggere le informazioni aziendali.

I dirigenti si trovano di fronte a una scelta: assumere un ulteriore specialista in sicurezza informatica oppure offrire una formazione avanzata specializzata al personale IT esistente. Entrambi gli approcci sono validi ma, per quanto riguarda la seconda strategia, possiamo darvi una mano.

Il nuovo panorama delle minacce

La persona che può spiegare meglio cosa è cambiato dall’inizio dell’isolamento sociale e dell’obbligo di restare in casa, è lo stesso amministratore IT. Al team IT è stato affidato il compito di rendere lo smart working il più comodo possibile per i lavoratori; nella maggior parte dei casi sono stati in grado di affrontare la sfida, fornendo l’accesso ai sistemi informatici aziendali, creando nuovi servizi e aiutando i dipendenti a risolvere le difficoltà che si sono presentate.

Tuttavia, nel giro di poche settimane, è diventato chiaro a molti che i nuovi processi richiedevano anche nuovi meccanismi di sicurezza. Ciò è accaduto principalmente perché cybercriminali di ogni tipo si sono attivati inviando messaggi di phishing e sferrando attacchi BEC ai dipendenti che lavorano da casa (anche i tentativi di attacchi di forza bruta sugli strumenti di accesso remoto hanno visto una crescita esplosiva).

I dipendenti hanno complicato la situazione. Trovandosi in ambienti per loro non famigliari e poco comodi, molti si sono presi l’onere di cercare strumenti per facilitare il lavoro di squadra. In molti casi, non si sono preoccupati di chiedere l’approvazione degli specialisti IT per l’utilizzo di tali applicazioni e servizi, e raramente si sono interessati della messa in sicurezza.

Di conseguenza, gli amministratori IT non solo hanno dovuto tenere d’occhio una serie di nuovi fattori sul proprio posto di lavoro, ma hanno dovuto anche pensare a nuovi modi per rendere il lavoro a distanza il più sicuro possibile. Acquisire una conoscenza più approfondita dell’attuale panorama delle minacce e avere una migliore comprensione di ciò che accade nelle workstation dei dipendenti da remoto, di conseguenza, è diventato di fondamentale importanza.

Come possiamo aiutare

La soluzione Kaspersky Endpoint Security Cloud, che protegge le workstation dei dipendenti, è uno degli strumenti chiave del nostro arsenale. Essendo su cloud e non richiedendo un hardware aggiuntivo, non impone un carico inutile sulle risorse IT. Allo stesso tempo, l’amministratore può gestire la soluzione da un’unica console su cloud. Uno degli ultimi aggiornamenti delle sue funzionalità è un meccanismo per il rilevamento dei sistemi shadow IT, ovvero i servizi su cloud che i dipendenti utilizzano per lavorare con i dati aziendali senza aver informato i tecnici.

See Also

I nostri colleghi, in ogni caso, continuano a migliorare la soluzione di sicurezza. Rendendosi conto che molti amministratori non hanno una piena comprensione delle moderne minacce informatiche, hanno rilasciato una nuova funzionalità sperimentale, chiamata Cybersecurity for IT Online, uno strumento di formazione a cui si può accedere direttamente dalla stessa console. Possiamo affermare che il corso porta le conoscenze dei manager delle soluzioni IT al livello di un esperto di sicurezza principiante.

Al momento, la formazione si concentra specificamente sul miglioramento della comprensione dei software dannosi. Agli utenti viene insegnata la classificazione di base dei malware e come riconoscere i comportamenti pericolosi e sospetti; inoltre, vengono assegnati loro dei compiti interattivi in un ambiente simulato. In questo modo, acquisiscono le competenze di uno specialista nel rilevamento degli incidenti.

Questa funzionalità è stata implementata nella versione beta della soluzione, e i nostri esperti sono pronti ad ampliare la gamma di lezioni disponibili, qualora vi sia una richiesta in tal senso. Un’altra novità di questa versione di Kaspersky Endpoint Security Cloud è rappresentata dalle guide video sui prodotti, accessibili anche dalla console. Le guide aiuteranno i dipendenti a configurare la nuova soluzione senza dover cercare tra i manuali.

Per saperne di più e provare la versione demo di Kaspersky Endpoint Security Cloud, potete consultare questa pagina.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°5 Maggio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top