Google: mappatura degli incendi grazie ai dati satellitari.

Google è stato coinvolto nella risposta alle crisi per molti anni, a partire dal Carmel Mountain Fire in Israele nel 2010. Da allora, Google ha continuato a inviare avvisi e SOS per centinaia di migliaia di situazioni critiche in tutto il mondo. 

Redazione. (dal blog di Google)

“Dieci anni fa, ero all’interno dell’ufficio di Google ad Haifa, in Israele, quando il devastante incendio del Monte Carmelo ha iniziato a divampare non lontano da noi. Il team ha iniziato a cercare sul Web per saperne di più. E mentre abbiamo trovato alcuni dettagli che confermavano ciò che già sapevamo – un grande incendio si stava svolgendo fuori dalla nostra porta – abbiamo sperimentato una lacuna di informazioni potenzialmente influente sulla vita. 

Questo ha dato il via al nostro viaggio per creare funzionalità nella Ricerca Google e altri prodotti che mettono in contatto le persone con informazioni di alta qualità durante le crisi. Poche ore dopo aver scattato la foto qui sotto, abbiamo lanciato rapidamente una piccola funzione nella ricerca che ha reso più facile per le persone trovare la linea diretta di emergenza per l’incendio di Carmel Mountain. Da allora, abbiamo continuato a evolverci ed espandere questo lancio iniziale negli  avvisi SOS che  abbiamo lanciato nel 2017.

Carmel Mountain Fire.jpg
Carmel Mountain Fire – Foto dall’ufficio di Google ad Haifa, Israele

Collegamento delle persone a informazioni critiche durante gli incendi attivi

Oggi stiamo lanciando una nuova mappa dei confini degli incendi negli avvisi SOS di Ricerca e Mappe negli Stati Uniti per fornire informazioni più approfondite per le aree interessate da un incendio in corso. In momenti come un incendio crescente, sapere esattamente dove è in corso un incendio e come evitarlo è fondamentale. Utilizzando i dati satellitari per creare una mappa dei confini di un incendio, le persone ora vedranno le dimensioni e la posizione approssimative direttamente sul proprio telefono o desktop. 

Quando le persone cercano un incendio specifico come “Fuoco di Pine Gulch” o “Fuoco di mele” nella Ricerca, saranno in grado di vedere il confine approssimativo dell’incendio, il nome e la posizione di un incendio, nonché articoli di notizie e risorse utili dall’emergenza locale agenzie in allerta SOS. 

Su Google Maps, le persone avranno accesso agli stessi dettagli, incluso il confine del fuoco, e riceveranno avvisi se si stanno avvicinando a un incendio attivo. Se qualcuno sta esplorando un’area vicino a un incendio su Google Maps, riceverà un avviso ambientale che lo indicherà alle informazioni più recenti.

Come mappiamo gli incendi per aiutare a mantenere le persone al sicuro 

Con i dati satellitari della costellazione di satelliti GOES della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e le capacità di analisi dei dati di Google Earth Engine , ora siamo in grado di mostrare le dimensioni di un incendio quasi in tempo reale, con i dati che vengono aggiornati all’incirca ogni ora. I satelliti della NOAA includono sensori a infrarossi e ottici ottimizzati per rilevare “punti caldi” o grandi incendi sulla superficie terrestre. Eseguiamo calcoli su questi dati in Earth Engine per identificare l’area interessata.

GOES Apple Fire Time Lapse.gif
Serie di immagini che mostrano il fumo del recente Apple Fire in California, catturate dal satellite GOES-17.

Da lì, creiamo un poligono digitale, il confine rosso mostrato sulla mappa in Ricerca e Google Maps, che rappresenta l’area approssimativa dell’impatto di un incendio. Se più fuochi di grandi dimensioni sono attivi nella stessa regione, le persone potrebbero vedere diversi poligoni. Puoi saperne di più su come raccogliamo, analizziamo e visualizziamo i dati sugli incendi dai satelliti sul nostro blog Medium .

Wildfire Detection Animation.gif
Utilizzando i dati dei satelliti GOES della NOAA e Google Earth Engine,
creiamo un poligono digitale per rappresentare l’area di impatto approssimativa
dell’incendio su Ricerca e Google Maps.

Mettere queste informazioni al lavoro 

Quest’anno il National Interagency Fire Center ha previsto rischi di incendio superiori al normale per diverse aree degli Stati Uniti Già, i vigili del fuoco hanno affrontato grandi incendi nella California settentrionale e meridionale, così come il Grizzly Creek Fire in Colorado, che ha portato a evacuazioni e ha bruciato migliaia di acri. In queste situazioni, avere informazioni di alta qualità a portata di mano è importante.

Ad esempio, nei recenti incendi di Apple, Pine Gulch e Grizzly, abbiamo rapidamente identificato che gli incendi erano in rapida espansione e le condizioni di siccità hanno esacerbato l’incendio, mettendo a rischio migliaia di persone. Siamo stati in grado di lanciare i nostri avvisi SOS, con l’ultima mappa dei confini, su Ricerca e Google Maps.

Wildfire_Mobile.gif

L’anno scorso, abbiamo sperimentato questa funzione in Ricerca dei principali incendi della California per confermare che fosse uno strumento utile per i primi soccorritori, il personale di gestione delle emergenze e la comunità. Abbiamo collaborato con organizzazioni, come l’Ufficio dei servizi di emergenza del governatore della California (Cal OES) e l’Ufficio di gestione delle emergenze di Boulder, per raccogliere raccomandazioni di esperti sulla preparazione e risposta agli incendi. Il loro feedback durante il nostro progetto pilota 2019 ha aiutato a identificare quali informazioni sono più utili durante le situazioni di emergenza”.

pubblicità

Lascia un commento