I punti deboli di Google Chrome.

Google ha rilasciato un aggiornamento che corregge tre pericolose vulnerabilità di Google Chrome. La raccomandazione è di aggiornare immediatamente il browser.

Redazione. (dal blog di Kaspersky)

Google ha rilasciato un aggiornamento di emergenza per il browser Chrome che risolve tre vulnerabilità: CVE-2021-37974CVE-2021-37975 e CVE-2021-37976. Gli esperti di Google considerano una delle vulnerabilità come critica e le altre due come altamente pericolose.

Purtroppo, non finisce qui: secondo Google, i criminali informatici hanno già sfruttato due di queste tre vulnerabilità. Pertanto, Google consiglia a tutti gli utenti di Chrome di aggiornare immediatamente il browser alla versione 94.0.4606.71. Queste vulnerabilità sono rilevanti anche per altri browser basati sul motore Chromium, per esempio, Microsoft raccomanda di aggiornare Edge alla versione 94.0.992.38.

Perché sono pericolose queste vulnerabilità di Google Chrome

CVE-2021-37974 e CVE-2021-37975 sono vulnerabilità di tipo use-after-free (UAF), sfruttano un uso scorretto della memoria heap e, di conseguenza, possono portare all’esecuzione di codice arbitrario sul computer colpito.

La prima, CVE-2021-37974, è legata alla componente Safe Browsing, un sottosistema di Google Chrome che avvisa gli utenti riguardo siti web e download non sicuri. La valutazione di gravità CVSS v3.1 per questa vulnerabilità è 7,7 su 10.

La seconda vulnerabilità, CVE-2021-37975, è stata trovata nel motore JavaScript V8 di Crome. È considerata la più pericolosa di tutte e tre, un 8.4 sulla scala CVSS v3.1, che la rende una vulnerabilità critica.  Dei cybercriminali stanno già utilizzando questa vulnerabilità nei loro attacchi agli utenti di Chrome.

La causa della terza vulnerabilità, CVE-2021-37976, è la sovraesposizione dei dati causata dal nucleo di Google Chrome. È leggermente meno pericolosa, un 7.2 sulla scala CVSS v3.1, ma è già utilizzata dai criminali informatici.

Come possono sfruttare queste vulnerabilità i criminali informatici

Lo sfruttamento di tutte e tre le vulnerabilità richiede la creazione di una pagina web dannosa. I criminali informatici hanno semplicemente bisogno di creare un sito web con un exploit incorporato e attirarci le vittime. Di conseguenza, gli exploit riguardanti le due vulnerabilità use-after-free permettono ai criminali informatici di eseguire codice arbitrario sui computer degli utenti di Chrome, privi di patch, che hanno avuto accesso alla pagina; il che può portare alla compromissione del loro sistema. L’exploit per la terza vulnerabilità, CVE-2021-37976, permette ai cybercriminali di ottenere l’accesso alle informazioni riservate della vittima.

Google molto probabilmente rivelerà maggiori dettagli sulle vulnerabilità dopo che la maggior parte degli utenti avrà aggiornato i loro browser. In ogni caso, non vale la pena di rimandare l’aggiornamento, raccomandiamo di farlo il prima possibile.

Come proteggersi

Il primo passo per tutti è quello di aggiornare i browser su tutti i dispositivi che hanno accesso a Internet. In genere, l’aggiornamento viene installato automaticamente quando il browser viene riavviato, tuttavia molti utenti non riavviano il computer molto spesso, quindi il loro browser può risultare vulnerabile per diversi giorni o addirittura settimane. In ogni caso, si consiglia di controllare la versione di Chrome. Ecco come fare: cliccate sul pulsante Impostazioni nell’angolo in alto a destra della finestra del browser e scegliete Informazioni su Chrome. Se la versione del vostro browser non è l’ultima disponibile, Chrome avvierà automaticamente l’aggiornamento.

Per una maggiore protezione consigliamo agli utenti di installare le soluzioni di sicurezza su tutti i dispositivi con accesso a Internet. In questo modo, anche se siete sorpresi senza un browser aggiornato, le tecnologie di protezione proattiva ridurranno al minimo la possibilità di sfruttare con successo la vulnerabilità.

Raccomandiamo inoltre ai dipendenti dei dipartimenti di sicurezza delle informazioni aziendali di utilizzare soluzioni di sicurezza su tutti i dispositivi, monitorate gli aggiornamenti di sicurezza e applicate la distribuzione automatica degli aggiornamenti e il sistema di controllo. Se possibile, date priorità all’installazione degli aggiornamenti del browser.

pubblicità

Lascia un commento