Now Reading
IoT, Fintech e blockchain: opportunità da non perdere per le aziende italiane

IoT, Fintech e blockchain: opportunità da non perdere per le aziende italiane

Avatar

Le sfide lanciate dalla Trasformazione Digitale passano dalla formazione della digital mindset.

La redazione

Le aziende italiane devono rivedere al rialzo le proprie attitudini digitali che passano attraverso l’Internet of Things, il Crowdfunding e Fintech, e la tecnologia blockchain. Questi, non sono solo inglesismi o incomprensibili acronimi; sono i concetti di base con i quali bisogna fare i conti per affrontare le sfide lanciate dalla Trasformazione Digitale già in atto e che sono parte integrante della digital mindset di ciascuno di noi, la formazione della quale è necessaria per superare e sopravvivere a queste sfide.

Basti pensare al giro d’affari. Quello dei soli oggetti IoT, dalla smart home alle automobili connesse, ha superato nel 2018 i 5 miliardi di euro (Dati Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano).

Oggi, attraverso network aperti e decentralizzati, è possibile creare entità istituzionali collaborative che consentono all’Innovation Technology di integrarsi, laddove vengono poste le condizioni per farlo, in uno scenario economico del tutto nuovo. Questo è il quadro della cosiddetta Open Innovation che ha animato la due giorni romana organizzata da CODE4FUTURE che si è tenuto presso il Talent Garden di Roma Ostiense, il primo Festival dedicato ad una nuova scrittura dell’innovazione per analizzare l’evoluzione di piattaforme digitali e tecnologie emergenti e formare i professionisti che guidano le imprese di oggi e di domani nell’implementazione dei processi di Digital Transormation. Due giorni di workshop e training session animati da numerosi speaker, guidati da Luca La Mesa, giovane accreditato imprenditore romano, Presidente Italia, specializzato in strategie avanzate di social media.

Ogni anno cerco di approfondire le tematiche legate all’innovazione attraverso sessioni di formazione alla Singularity University presso il NASA Ames Research Center, al CES di Las Vegas o grazie al tour in Cina che partirà nei prossimi giorni, a Novembre, e credo che  Code4Future sia un’occasione unica per approfondire queste tematiche in Italia senza doverle andare a studiare all’estero – ha sottolineato Luca La Mesa.

L’evento è stato anche l’occasione per presentare i volti dell’Open Innovation, a partire dalle donne che possiedono un ruolo determinante nella Digital Transformation, con l’intento di abbattere anche tutti gli stereotipi di genere.

Come ha sottolineato la giornalista Sara Bertuccioli che a Code4Future ha portato la sua esperienza come coordinatrice della Redazione Mashable Italia, “In redazione, su un team di 10 persone, in 7 siamo donne. Parliamo di tecnologia, intrattenimento e cultura digitale. Nel nostro Paese si tratta di una eccezione. Speriamo non lo sia più nei prossimi anni”.

“Il coding sta diventando il nuovo linguaggio universale – ha aggiunto Emanuela Zaccone, un’altra voce femminile dell’evento, autrice e Workload Automation Product Manager in HCL software. Il software non ha semplicemente cambiato la storia della tecnologia, ma sta rivoluzionando la vita di tutti creando opportunità che non sono più legate alla propria posizione geografica o al proprio genere”.

Anna Testa ha invece raccontato cosa significhi fare Open Innovation per favorire la digitalizzazione delle imprese e coltivare un mondo digitale migliore dentro le Aziende, dove si sta passando dall’importanza della Digital Transformation a quella della Mindset Revolution necessaria a tutti i livelli. “Dobbiamo concentrarci sulla digitalizzazione del paese e delle aziende per far ripartire l’Italia. Per velocizzare questo processo, le startup sono fondamentali per portare rapida innovazione nei contesti organizzativi”.

See Also

Inoltre con Valentina Marini, Senior HR Consultant & Trainer at ELIS e co-founder del progetto di educazione civica digitale “#GalateoLinkedIn”, sono stati affrontate “le dinamiche lavorative che, prevedendo sempre più social aziendali, video, chat e applicativi per la digital collaboration, richiedono manifesti, linee guida e/o policy per una vera ed efficace innovazione delle attività professionali”. Valentina Marini e Giada Susca hanno sollecitato una riflessione sul tema della “Comunità Educante”: “Durante Code4Future abbiamo riflettuto su come non sia possibile oggi demandare esclusivamente alla scuola il compito educativo, ma su come possiamo essere ‘accanto’ a coloro che in primis si preoccupano di educazione, attraverso iniziative di innovazione, co-creazione, collaborazione, partecipazione”, ha spiegato Giada Susca.

Per Raffaella Roviglioni, Head of Discovery per Fifth Beat, bisogna sviluppare “la capacità di costruire la Customer Experience a partire da dati che provengono dalla ricerca con le persone. Ho iniziato a lavorare facendo ricerca sul campo nel senso letterale del termine, sono un’agronoma. Ho imparato che l’innovazione spesso nasce dall’osservazione in loco dei processi, dei prodotti o dei servizi, mentre alcune persone ne fanno un uso”.

Tema che sarà sviluppato anche con Tania Di Mascio, socia fondatrice, Innovation Manager e responsabile per la UX e UI di Project Innovation, una start-up che si occupa da anni di porre al centro dei processi di ricerca, progettazione e realizzazione di sistemi ICT e IoT, il cliente e gli utenti finali. Obiettivo: “introdurre i partecipanti ad una innovativa modalità di progettazione dei semantics recommender systems per mostrare come l’open innovation può migliorare le esperienze di progettazione di sistemi per le ricerche web”.

Spazio a Code4Future anche al crowdfunding, uno strumento partecipativo e finanziario relativamente nuovo ma ancora tutto da scoprire se  associato ad altre tecnologie emergenti. Ne ha parlato Ida Meglio, fondatrice della piattaforma di crowdfunding sociale Sociallendingitalia.net: i partecipanti hanno potuto verificare “come uno strumento di finanziamento così dal basso possa in realtà diventare strumento di frontiera nella complessa architettura del cloud, della blockchain, delle criptovalute, definendo un nuovo tempo fatto di evoluzioni e rivoluzioni in questo relativamente giovane settore finanziario”. 

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°1 Gennaio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top