La nostra Terra dallo spazio: deforestazione in Bolivia.

Questa immagine di Copernicus Sentinel-2 presenta un’area nel dipartimento di Santa Cruz in Bolivia, dove parte della foresta tropicale secca è stata sgombrata per uso agricolo.

La redazione.

Dagli anni ’80, la zona è stata rapidamente disboscata per dare impulso all’agricoltura.  Migliaia di persone provenienti dalle alte pianure andine (la regione di Altiplano) sono state trasferite nelle pianure della Bolivia.

Le pianure, relativamente pianeggianti, e le abbondanti precipitazioni rendono questa regione adatta all’agricoltura. In effetti, il clima locale consente agli agricoltori di beneficiare di due stagioni di raccolto. La regione è stata trasformata da fitta foresta in una distesa modellata di terreni agricoli. Questo metodo di deforestazione, comune in questa parte della Bolivia, è caratterizzato da schemi radiali che possono essere visti chiaramente nell’immagine. Ogni appezzamento coltivato è di circa 20 km quadrati.

Nell’immagine, si possono notare piccoli insediamenti di ogni singolo campo, che in genere contengono una chiesa, una scuola e un campo da calcio. Queste comunità sono unite da una rete stradale rappresentata dalle linee rette che tagliano in due i campi radiali e collegano le aree adiacenti.

Ruscelli e fiumi serpeggianti possono essere visti fluire attraverso i campi. Le lunghe e sottili strisce di terra in alto a destra dell’immagine sono molto probabilmente campi di soia coltivati.

Le foreste pluviali di tutto il mondo vengono distrutte a un ritmo allarmante. Ciò suscita grande preoccupazione in quanto svolgono un ruolo importante per il clima a livello globale e ospitano un’ampia varietà di piante e animali.

Grazie al loro punto di vista privilegiato, i satelliti per l’osservazione della Terra forniscono informazioni complete sull’estensione e il tasso di deforestazione, il che è particolarmente utile per il monitoraggio anche delle aree più remote.

Questa immagine composita è stata creata combinando tre distinte immagini della missione Copernicus Sentinel-2. La prima immagine, dall’8 aprile 2019, è visibile in rosso; il secondo dal 22 giugno 2019, può essere visto in verde; e il terzo dal 5 settembre 2019 può essere visto in blu. L’indice di vegetazione a differenza normalizzata è ampiamente utilizzato nel telerilevamento in quanto fornisce agli scienziati una misura accurata della salute e dello stato di crescita delle piante.

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *