Now Reading
“La regina degli scacchi” fa scacco matto. Numeri da record.

“La regina degli scacchi” fa scacco matto. Numeri da record.

Avatar

Beth è una svantaggiata alla riscossa alle prese con dipendenza, perdita e abbandono. Il successo che ottiene nonostante le avversità testimonia l’importanza della tenacia, della famiglia e dell’introspezione, restando sempre fedeli a se stessi.

Redazione.

La regina degli scacchi, interpretata dalla straordinaria Anya Taylor-Joy, è diventata un fenomeno globale. Dall’uscita su Netflix nel mese di ottobre:

  • il romanzo La regina degli scacchi è entrato nella lista dei bestseller del quotidiano The New York Times 37 anni dopo la sua uscita,
  • le ricerche di Google sugli scacchi sono raddoppiate, mentre quelle su  “come giocare a scacchi” hanno raggiunto il picco più alto degli ultimi nove anni,
  • le richieste di “scacchiere” su eBay hanno raggiunto il 250% e Goliath Games riporta che le vendite del gioco da tavolo sono aumentate di oltre il 170%,
  • e su Chess.com il numero di giocatori è quintuplicato.

Il clamore sorto intorno alla serie ha portato a un considerevole aumento dell’interesse per il campionato del mondo del prossimo anno, secondo quanto riportato dalla Federazione Internazionale degli Scacchi.

Su Netflix, La regina degli scacchi è stata vista da 62 milioni di persone nei primi 28 giorni. La risposta globale è stata straordinaria: dalla Russia e Hong Kong fino a Francia, Taiwan e Australia. La serie è entrata nella Top 10 in 92 paesi ed è arrivata prima in 63 nazioni, tra cui Regno Unito, Argentina, Israele e Sudafrica.

See Also

Questa è la dimostrazione tangibile dell’abilità di Scott Frank, sceneggiatore e regista capace di far vivere sullo schermo il dramma di molte partite di scacchi raccontate nei minimi dettagli, ottenendo recensioni entusiastiche e un raro 100% su Rotten Tomatoes. Scott è stato notevolmente aiutato dal talentuoso team di creativi. Dall’uso squisito dei motivi a scacchiera con cui la costumista Gabriele Binder ha riempito l’armadio di Beth, alla suspense sottolineata dal compositore Carlos Rafael Rivera, fino all’intenso montaggio di Michelle Tesoro e alle scelte vibranti dello scenografo Uli Hanisch, che sembrano saltare fuori dallo schermo a ogni scena, per finire con il lavoro del direttore della fotografia Steven Meizler, che ha trasformato ogni partita in un dramma mozzafiato.

Scacco matto! 

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°5 Maggio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top