Now Reading
La vocazione Mediterranea dell’Italia.

La vocazione Mediterranea dell’Italia.

L’Università degli Studi eCampus propone giovedì 8 luglio 2021, dalle ore 10 alle ore 13, la tavola rotonda online ed in presenza SVILUPPO DEL SUD VERSO IL MEDITERRANEO.

Redazione.

La proiezione mediterranea dell’Italia – anche in relazione allo sviluppo del Sud – è tema di grande attualità politica ed economica. La tavola rotonda organizzata dall’Università eCampus affronterà la questione nel suo complesso, con interlocutori tecnici ed istituzionali che faranno il punto su prospettive socioeconomiche, tematiche urbanistico-territoriali, studi geologici e sismici, aspetti trasportistici e progettuali.

“L’università eCampus – sostiene il Rettore Enzo Siviero – intende con questa iniziativa, oltre che affrontare un tema cruciale per lo sviluppo ed il futuro del nostro Paese, offrire una informazione mirata ai nostri 45.000 studenti sparsi in tutta Italia. Riteniamo infatti che il ruolo di un Ateneo come il nostro sia quello di comunicare a tutto campo e senza preconcetti ideologici quanto sia importante per l’Italia e per l’Europa una proiezione effettiva del Sud verso il Mediterraneo e l’intero continente africano, anche come future prospettive per i nostri giovani”. 

La tavola rotonda, oltre ai saluti di apertura dei Presidenti di alcuni degli Ordini Nazionali coinvolti – Armando Zambrano (Ingegneri), Francesco Miceli (Architetti), Francesco Violo (Geologi), Maurizio Savoncelli (Geometri), vedrà i contributi di:

Adriano Giannola, Presidente Svimez – Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, fornirà – con un intervento dal titolo Il futuro del Sud nella proiezione mediterranea – fornirà un quadro analitico delle problematiche socioeconomiche del Mezzogiorno, attraverso le diverse prospettive di sviluppo nei vari settori e la necessità di collegamento Nord-Sud nella più ampia prospettiva, appunto, mediterranea.

Giovanni Mollica, ingegnere, libero professionista di Messina, traccerà il quadro della logistica in Italia, evidenziando le grandi potenzialità della portualità nel Sud anche per intercettare i flussi mercantili provenienti da Suez e che attualmente bypassano l’Italia per dirigersi dopo lo stretto di Gibilterra verso i porti del nord Europa, penalizzando l’Italia nel suo complesso. Titolo del suo intervento, Sicilia e Calabria, risorsa per l’Italia e l’Europa.

Francesca Moraci, professore ordinario di Pianificazione e progettazione urbanistica e territoriale all’Università Mediterranea di Reggio Calabria, illustrerà – attraverso la relazione dal titolo Futuri sviluppi urbanistico-territoriali nell’Area dello Stretto – l’importanza di valorizzare la città dello Stretto in un ambito urbanistico-territoriale allargato alle due regioni interessate, Sicilia e Calabria. Ambito che è motore di sviluppo del Mezzogiorno proiettato verso il bacino mediterraneo. 

Alberto Prestininzi, professore ordinario di rischi geologici presso l’Università La Sapienza di Roma, esaminerà – nell’intervento dal titolo Quale rapporto tra il Ponte di Messina e la via della seta? -il quadro geomorfologico complessivo, con particolare riferimento al rapporto tra Calabria e Sicilia e relative interazioni tra passato, presente e futuro nell’intero bacino mediterraneo.

Fabio Brancaleoni, professore ordinario di Scienza delle Costruzioni, in quiescenza, proporrà un’analisi comparativa tra le diverse opzioni aeree dell’attraversamento stabile dello Stretto, evidenziando le problematiche ferroviarie e stradali con le varie soluzioni progettuali affrontate e l’avanzamento nella ricerca sui ponti di grande luce che sono stati adottati all’estero basandosi sugli esiti del ponte sullo Stretto. Titolo della relazione: Ponte di Messina: una o più campate?

See Also

Conclusioni di Enzo Siviero, Rettore Università eCampus.

*Per partecipare in presenza o per ricevere il link al collegamento, inviare una mail a: centrostudi@uniecampus.it

A proposito di eCampus.

L’Università eCampus è un Ateneo che, attraverso una didattica e-learning, propone 60 percorsi di laurea e numerosi master altamente professionalizzanti. Tra i principali obiettivi, la c.d. “Terza Missione”, l’insieme cioè di tutte quelle attività con le quali l’Università, oltre a fare Alta formazione e Ricerca, entra in contatto con il contesto socio-economico attraverso il trasferimento e la valorizzazione delle conoscenze. Ciò sin dalla sua istituzione (con Decreto del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca del 30 gennaio 2006) e grazie alla presenza capillare con proprie sedi in tutte le principali città d’Italia.

Info all’indirizzo www.uniecampus.it

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°7 Luglio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top