Stai leggendo
L’inarrestabile cavalcata del “Dragone Digitale”.

L’inarrestabile cavalcata del “Dragone Digitale”.

di Giovanni Pugliese

Dall’11 al 13 ottobre si è tenuto a Shijiazhuang, nella provincia di Hebei, nel nord della Cina, la seconda edizione del China International Digital Economy Expo. L’evento è stato sponsorizzato dal Ministero dell’Industria e dell’Information Technology e dal governo provinciale di Hebei, e rappresenta una unicità a livello nazionale e globale dedicato alla digital economy.
Le cinque aree espositive, per un totale di 50.000 metri quadrati, hanno ospitato oltre 500 aziende cinesi e internazionali, mettendo in evidenza il ruolo dell’economia digitale cinese così come pure la sua vocazione verso l’Information technology e la cosiddetta smart society.
Tra i partecipanti, tanto per citarne solo alcuni, Huawei, Baidu, Siemens, Amazon, Dassault, veri leader dell’economia digitale nei loro rispettivi campi. Non sono mancate le attività espositive centrate sugli attuali hot issues come, ad esempio, la New Area di Xiongan, la tecnologia 5G, l’intelligenza artificiale, i cloud e big data computing.
Per rimarcare la vicinanza e il supporto delle Istituzioni cinesi alla manifestazione, il Presidente Xi Jinping si è personalmente congratulato con un comunicato diretto all’organizzazione e ai partecipanti dell’International Digital Economy Expo. Il Presidente cinese, nella sua lettera, ha invitato l’assemblea digitale “a promuovere una profonda integrazione dell’economia digitale con l’economia reale al fine di sviluppare insieme un unico sistema economico altamente qualitativo”.
Xi ha inoltre affermato che “l’economia digitale è in forte espansione e sta trasformando profondamente la vita quotidiana delle persone e il sistema produttivo, e avrà un grande impatto sullo sviluppo economico e sociale del mondo, sul sistema delle governance globali e sullo sviluppo della civiltà umana”. Infine, Il Presidente ha anche detto di “coltivare la speranza che i partecipanti all’expo approfondiranno il tema della comunicazione e della cooperazione durante l’evento, e discuteranno e condivideranno i modi per sviluppare l’economia digitale al fine di migliorare la vita delle persone”.
Anche il Ministro dell’Industria e dell’Information Technology, Miao Wei, sponsor diretto della manifestazione, all’apertura dell’expo, ha dichiarato che “l’economia digitale sta diventando una forza trainante per lo sviluppo delle industrie emergenti, la trasformazione e il miglioramento dei settori tradizionali e lo sviluppo sostenibile”. Il Ministro ha anche aggiunto che “saranno necessari ulteriori sforzi per costruire l’infrastruttura informativa di prossima generazione, sviluppare l’innovazione industriale attraverso internet, fare progressi nelle tecnologie di base e perseguire le tecnologie di sviluppo e produzione integrate”.

Innumerevoli le novità presenti in fiera ad altissimo valore tecnologico: attraenti veicoli concept equipaggiati con gli Amoled, schermi pieghevoli per una innovativa esperienza di guida; automobili a guida autonoma; droni di tutte le dimensioni in grado di operare anche in condizioni meteo estremamente critiche.
Ampia e variegata l’offerta AI e VR: dispositivi robotizzati; robot tuttofare e interattivi; automation software; realtà virtuale immersiva.
La tecnologia 5G, poi, ha dato dimostrazione di quanto e come cambierà l’interazione tra l’uomo e i dispositivi che lo circondano. La velocità di trasmissione dei dati con il 5G sarà tale da stravolgere completamente le nostre attuali abitudini. Anche la semplificazione del triangolo proposto da ITU, non rende bene l’idea dei cambiamenti che la nuova mobile technology sta per apportare alle nostre società.

Quanto a Baidu, il gigante cinese dell’intelligenza artificiale presente alla manifestazione di Shijiazhuang, in occasione dell’expo, ha ottenuto 30 licenze per consentire l’accesso alle aeree di servizio per le automobili a guida autonoma (fonte Xinhua). 30 targhe concesse per la prima volta dal Governo locale di Changzhou ai veicoli intelligenti connessi di Baidu. Un altro passo in avanti verso le smart city, altro argomento caldo dell’expo cinese dove si è ampiamente parlato della Xiongan New Area e della Smart Changzhou.

Vedi Anche

Di questo passo, i numeri della digital economy cinese sono sicuramente destinati a crescere. Nel 2018, l’economia digitale della Cina ha raggiunto i 31,3 trilioni di yuan (4,4 trilioni di dollari), pari al 34,8 per cento del PIL del paese, secondo la China Academy of Information and Communications Technology, e questo è soltanto l’inizio dell’inarrestabile cavalcata del “Dragone Digitale”. (Video)

Qual è la tua reazione?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
Vedi Commenti (0)

Lasci una Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno II N°10 Ottobre 2020

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
info@pec.digitude.it - advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scorri in Alto