Now Reading
L’occhio di Hubble sta esaminando una gigantesca galassia.

L’occhio di Hubble sta esaminando una gigantesca galassia.

Avatar

Si chiama “Rubin” ed è una galassia dalle dimensioni mostruose.

La redazione.

Nonostante le sue dimensioni gigantesche, i ricercatori definiscono la galassia scoperta ” gigante gentile” perché sembra che sia stato seduto in silenzio per miliardi di anni, probabilmente sorseggiando idrogeno dalla struttura filamentosa dello spazio intergalattico. Questo sta alimentando una modesta nascita di stelle a un ritmo pari alla metà di quello della nostra Via Lattea. Il suo buco nero centrale è un altrettanto gigante addormentato. Questa galassia non sembra nutrirsi di galassie satellitari molto più piccole, è piuttosto “affamata” di gas in caduta libera.

La galassia gigante, che si trova a 232 milioni di anni luce, si trova nella costellazione settentrionale di Perseo ed è stata soprannominata “la galassia di Rubin”, Benne Holwerda dell’Università di Louisville, Kentucky,  in onore dell’astronoma Vera Rubin (1928–2016),  che osservò la galassia con il telescopio spaziale Hubble.

La mia ricerca è stata in gran parte ispirata dal lavoro di Vera Rubin, svolto nel 1980, sulle dimensioni di questa galassia“, ha detto Holwerda. Rubin ha misurato la rotazione della galassia, fornendo prove per la materia oscura che costituisce la maggior parte della massa della galassia. “Consideriamo questa immagine commemorativa.”

I ricercatori stanno ancora cercando di capire cosa abbia portato la galassia ad assumere dimensioni così mostruose.

See Also

La galassia ha inghiottito nel tempo galassie satellitari più piccole? O ha lentamente accresciuto la quantità di gas per creare nuove stelle? “Sembra che stia andando avanti, crescendo lentamente“, ha detto Holwerda. Usando l’eccezionale risoluzione di Hubble, il suo team sta contando il numero di ammassi stellari globulari nell’alone della galassia – un vasto guscio di stelle deboli che la circondano. Un eccesso di ammassi fornirebbe la prova che furono catturati da piccole galassie in caduta libera per molti miliardi di anni.

Il prossimo telescopio spaziale James Webb della NASA / ESA / CSA potrebbe essere utilizzato per esplorare il centro di questa galassia e la popolazione di ammassi globulari. La capacità a infrarossi di questo telescopio fornirà ai ricercatori una visione più definita delle popolazioni stellari sottostanti che completeranno quelle di Hubble.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°1 Gennaio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top