OLIVETTI acquisisce STAER SISTEMI e accelara sullo IoT.

Olivetti, digital farm per l’IoT del Gruppo TIM, ha sottoscritto un accordo per l’acquisizione del 100% di Staer Sistemi, system integrator e product developer in ambito industrial IoT.

Redazione Economia.

L’operazione consente ad Olivetti di razionalizzare ulteriormente la propria catena di distribuzione, accelerare i tempi di commercializzazione dei propri prodotti, garantire il presidio end-to-end su tutta la catena del valore IoT oltre ad aumentare e rafforzare referenze su soluzioni progettuali complesse, anche per lo sviluppo di altri segmenti di business IoT (Safety e security Industrial Solutions, Building Management Systems).
Staer Sistemi, società con sede a Roma, dispone di competenze avanzate nella progettazione ed integrazione di soluzioni software e hardware (in particolare sensoristica a basso consumo energetico) per il controllo di impianti, macchinari ed infrastrutture, principalmente per i settori di mercato energia, utilities e infrastructures, telco e broadcast.
In sinergia con l’accordo di partnership industriale instaurato con SECO, centro di eccellenza nel campo dell’innovazione tecnologica e dell’Internet of Things, l’operazione permette a Olivetti di rafforzare le capacità ingegneristiche di progettazione e produzione nell’ambito IoT, consentendone il posizionamento come leader nella fornitura di soluzioni end-to-end, sia per la realizzazione di progetti personalizzati sia per la standardizzazione di servizi a scaffale.
“Con questa operazione – afferma Quang Ngo Dinh, Amministratore Delegato Olivetti – mettiamo a segno un ulteriore passo nel processo di evoluzione di Olivetti, che vuole affermarsi sul mercato nazionale come l’operatore di riferimento nell’offerta di soluzioni IoT per aziende e Pubblica amministrazione. L’acquisizione di Staer ci permette di dotarci di competenze multisettoriali nello sviluppo di software e di sistemi integrati, consentendoci al tempo stesso di creare valore e cogliere un’importante opportunità di sviluppo ed evoluzione digitale”.

pubblicità

Lascia un commento