OPS-SAT sull’Isola della Rivoluzione d’Ottobre.

Questa immagine rivela una parte di un’imponente isola disabitata a nord della Russia, scoperta per la prima volta nel 1913.

Redazione.

L’isola della Rivoluzione d’Ottobre è ora nota per essere la 59esima isola più grande del mondo e ospita cinque calotte glaciali a cupola, una massa di ghiaccio che copre meno di 50 000 chilometri quadrati (mentre le masse di ghiaccio più grandi sono note come lastre di ghiaccio).

Scattata il 14 agosto 2020 dalla sonda spaziale OPS-SAT dell’ESA durante la messa in servizio della sua telecamera ad alta definizione, la metà sinistra dell’immagine mostra l’isola con i suoi caratteristici campi di ghiaccio e la tundra, e la parte destra dell’immagine mostra il mare artico di Laptev con grandi quantità di ghiaccio alla deriva.

Un laboratorio volante, OPS-SAT è il primo nel suo genere. Con un computer sperimentale dieci volte più potente di qualsiasi attuale veicolo spaziale dell’ESA, il cubo alto 30 cm è dedicato a dimostrare capacità di controllo della missione drasticamente migliorate che sorgeranno quando i satelliti potranno pilotare computer di bordo più potenti. Scopri di più sulla missione e su come potresti candidarti per usarla per testare il tuo esperimento nello spazio.

pubblicità

Lascia un commento