Now Reading
Quale futuro per il fitness?

Quale futuro per il fitness?

200 mila professionisti disoccupati. A spiegare il futuro del fitness una nuova figura professionale: il fitness marketing specialist.

Redazione. Foto di Li Sun

Oltre 200 mila professionisti senza un lavoro stabile e 2 miliardi di euro di perdita economica. È il quadro allarmante che emerge dai dati Ifo (International Fitness Observatory), sul mercato delle imprese di fitness in Italia nel 2020. L’indagine è stata presentata di recente durante ‘Exercise is medicine’, web conference organizzata da Fit.Comm, l’associazione che riunisce i principali player del settore.

Il virus ha dunque messo in ginocchio un settore, quello del fitness e dello sport, che rappresenta grazie al suo indotto una realtà di rilievo nell’economia nazionale e che ha visto a rischio numerosi posti di lavoro.

Ora si parla molto di ripartenza delle palestre, dopo un periodo durato quasi un anno in cui il 70% delle persone che si è ormai ritagliato uno spazio in casa per la sua personal gym e che si allena regolarmente tra le quattro mura domestiche (dati Pulsee Energy Index, l’osservatorio realizzato da Pulsee, operatore per le utenze domestiche 100% digitale di Axpo Italia): la sfida sarà dunque quella di schiodare dal divano i più pigri e riportare in palestra i nuovi abitudinari dell’ home fitness.

Il fitness marketing specialist che supporta i personal trainer con la “Strategia del Partenone” di Jay Abraham

Amerigo Casadei fitness marketing specialist

L’industria del fitness ha affrontato un momento difficilissimo e ora, per ogni professionista del benessere e della forma fisica, è il momento di rendere più solide le basi. Una delle azioni da intraprendere sta appunto nel moltiplicare i canali di acquisizioni clienti” – afferma Amerigo Casadei, classe ‘84, fitness marketing specialist che aiuta personal trainer e titolari di palestre a trasformare la propria passione in una professione stabile e redditizia.

Come? Attraverso un mix di competenze strategiche, tecniche di business e di

marketing a 360 gradi.

Originario di Torre Annunziata, ma da molti anni a Caserta, Amerigo nasce come web designer per poi specializzarsi in marketing. Dal 2015, anno dell’avvio della sua attività, ha collaborato con oltre 400 clienti, come centri fitness, palestre e personal trainer. Tra i suoi clienti spicca Umberto Miletto che, con oltre mezzo milione di follower, è l’influencer Fitness più gettonato dei social.

See Also

Amerigo Casadei è anche autore del libro Fitness Business Empire, un manuale strategico e operativo, rivolto ai professionisti del Fitness come personal trainer, laureati in Scienze Motorie, titolari di palestre e Wellness Coach che vogliono trovare spunti, best practices e consigli concreti per avviare o rilanciare il proprio business.

La pandemia ha creato la necessità di rimettere in discussione i vecchi paradigmi e così come le modalità con cui si gestisce la propria impresa in questo settore. Bisogna aprirsi alle nuove esigenze, dettate da un pubblico profondamente cambiato in questo ultimo anno, ancora più esigente ed oculato nelle scelte di acquisto – spiega Amerigo Casadei – Ed allo stesso tempo è fondamentale comunicare e raccontare nel migliore dei modi la nostra attività”.

Per farlo, è sicuramente necessario adeguarsi alle nuove frontiere dell’home fitness e della digitalizzazione. “Chi non si adeguerà ad una costante ed attiva presenza online rischia seriamente di rimanere indietro in un percorso di crescita ormai fisiologico e che sta aprendo scenari nuovi nel settore” ammette Casadei – “Ma questa presenza da sola non basta“. Il fitness marketing specialist infatti, rifacendosi alla Strategia del Partenone di Jay Abraham, un’autorità a livello mondiale sui temi del marketing strategico, afferma che è necessario cercare, attivare e alimentare diversi modi e strategie per trovare nuovi clienti.

Per rilanciare un centro sportivo, una palestra o un’attività come il personal training, consiglio una strategia multicanale che coniughi il digitale con il marketing tradizionale, ma prima di curare la nostra presenza digitale è fondamentale massimizzare la parte offline, studiando il processo d’acquisto, curando le relazioni umane con la riattivazione e fidelizzazione dei vecchi clienti, incentivando i clienti attuali a referenziarci ai loro amici, e stringendo partnership di valore con altre attività complementari in modo da creare il proprio impero (piccolo o grande che sia poco importa).

Gli operatori del settore hanno quindi l’opportunità di prepararsi alla riapertura con la consapevolezza che nulla sarà come prima e che per recuperare il tempo perduto è necessario prima di tutto avere una strategia che tenga conto anche dei nuovi strumenti digitali che si sono affermati negli ultimi 12 mesi.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°7 Luglio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top