Samsung Knox, dispositivi mobile sicuri e protetti.

La piattaforma di sicurezza mobile di Samsung è costantemente aggiornata e prevede l’implementazione di soluzioni sempre nuove, per far fronte allo scenario digitale in continua espansione.

Redazione.

L’iper digitalizzazione vissuta nel corso dell’ultimo anno ha portato con sé diversi tipi di benefici, come la comodità di condurre operazioni basilari direttamente dal proprio smartphone: tuttavia, l’alto numero di vantaggi è coinciso con un aumento dei rischi in fatto di cyber sicurezza, dovuti proprio al proliferare di utenze e attività online. Samsung Electronics, da sempre impegnata nella protezione dei dati sensibili dei propri utenti, a partire dall’implementazione di supporti fisici certificati, prosegue nel suo intento con Samsung Knox, la piattaforma di sicurezza mobile collaudata integrata nei dispositivi Galaxy.

Samsung da sempre pone la massima attenzione alla sicurezza dei propri dispositivi tenendo conto dell’alta possibilità di personalizzazione richiesta: device diversi, infatti, richiedono una suite di soluzioni di sicurezza differenti, che possano adattarsi alle esigenze dei consumatori e delle aziende. E’ così che prende vita Samsung Knox: sviluppato nel 2013, inizialmente come una soluzione di sicurezza per le aziende, si è subito presentato come un sistema di difesa utile anche per i consumatori. Oggi Samsung Knox fornisce una protezione end-to-end, in tempo reale, per tutta la durata della vita dei prodotti, realizzando così un sistema di sicurezza collettivo, in cui utenti e aziende siano sempre supportati in materia di cyber security.

Il sistema si è costantemente evoluto per poter fornire soluzioni di security sempre più all’avanguardia: è il caso di Knox Vault, che combina un hardware specifico per la sicurezza (in particolare, si tratta di un processore sicuro e di una memoria di sicurezza isolata) a un nuovo software integrato, in grado di proteggere i dati all’interno di applicazioni e sistema operativo Android. Questa tipologia di soluzione risponde alla richiesta di sicurezza sempre più avanzata che deriva da un utilizzo massiccio e consapevole delle soluzioni digitali, a ogni livello, dal consumatore ai sistemi aziendali che trattano quantità ingenti di informazioni, dai dati personali sensibili ai più basilari, ma non meno rilevanti, dettagli relativi a prodotti e servizi offerti. La particolarità di Vault risiede proprio nell’unire due tipologie di soluzioni di sicurezza, quella hardware e quella software, che lavorano insieme ma allo stesso tempo in maniera indipendente, minimizzando così la condivisione di dati che potrebbero potenzialmente essere oggetto di cyber attacchi.

Dall’autodistruzione di informazioni sensibili in caso di attacchi fisici alla protezione costante di PIN, password e dati biometrici, Samsung si muove sempre in direzione dell’innovazione, approfondendo ogni possibile nuovo percorso in fatto di sicurezza. Con Samsung Know Vault, integrato per la prima volta all’interno della line up di Galaxy S21 5G, l’impegno dell’azienda in fatto di sicurezza risulta ancora più concreto e sviluppato. Grazie alle soluzioni Knox Cloud, specificatamente rivolte alle aziende, Samsung ha introdotto una serie di strategie al passo con i tempi, pensate per supportare la mobilità aziendale e consentire ai diversi tipi di business di configurare, personalizzare, distribuire e gestire i dispositivi per ogni tipo di esigenza.

La versatilità di soluzioni proposte da Samsung contribuisce a certificare continuamente l’impegno dell’azienda in fatto di sicurezza. Questo tema è infatti al centro di tutti gli sviluppi sui device; ne è un esempio il recente annuncio per cui tutti i dispositivi Galaxy presentati sul mercato a partire dal 2019 potranno beneficiare di update di sicurezza periodici, per almeno quattro anni dalla loro data di release iniziale. Ambiziosi progetti di cyber security come questo sono possibili anche grazie alla collaborazione costante con oltre 1.000 partner, responsabili degli aggiornamenti dei chipset e dei sistemi operativi.

pubblicità

Lascia un commento