Now Reading
Smart working – consigli pratici.

Smart working – consigli pratici.

Come lavorare da remoto felici e senza stress: i sette consigli di Andrea Ciofani, Ceo di AcademyQue.

Redazione.

Oggi molti di noi possono scegliere di lavorare di nuovo dall’ufficio. Ma dopo più di un anno, alcuni manager stanno ancora valutando i lati positivi e quelli negativi del lavoro da remoto. Il mondo sembra ormai dividersi in due fazioni, da un lato chi è pro e dall’altro chi è contro il cosiddetto “lavoro agile”. La verità però è che per riuscire a lavorare da remoto non sono sufficienti un pc e una buona connessione a internet, ci sono delle qualità che bisogna padroneggiare. Come mai questa spaccatura? Perché alcuni lavoratori hanno sviluppato il giusto mindset più di altri.

Ci sono molte persone che vorrebbero lavorare da remoto, ma quando si tratta di farlo davvero, si finisce o per amare o per odiare questa modalità. Qualcuno afferma che lavorare da remoto sia come bellissimo paio di scarpe che vedi nella vetrina di un negozio: belle, lucide e ideali da indossare. Quando le infili invece, non vedi l’ora di toglierle. Per renderle più morbide e confortevoli, è necessario indossarle alcune volte e trovare il modo adatto di abbinarle al resto del nostro guardaroba, racconta Andrea Ciofani Ceo di AcademyQue

Atteggiamento e capacità: il mix perfetto per lavorare bene da remoto

Non è però solo una questione di inclinazione personale. AcademyQue, partner delle principali società leader nel recruitment e nei servizi di consulenza alla carriera che eroga corsi di alfabetizzazione digitale a chi vuole inserirsi nel mondo del lavoro, ha infatti notato qualcosa di profondamente inaspettato.

See Also

Nell’ultimo anno e mezzo, durante le diverse fasi di colloquio per l’assunzione di collaboratori in azienda, AccademyQue ha osservato che i Millennials (i nati tra la metà degli anni ‘80 e la metà degli anni ‘90) sono solo leggermente meno interessati all’opzione del lavoro da remoto, mentre la Generazione X (i nati tra il 1965 e il 1980) sembra molto più affascinata da questa opzione.

Questi ultimi, le persone della Gen X, però a volte fanno fatica a districarsi nel padroneggiare abilità come il multitasking, ovvero la capacità di saltare da una piattaforma ad un’altra, cosa che invece risulta naturale per un millennials. Molte sono le capacità che bisogna avere per lavorare da remoto, che vanno dalle competenze digitali all’organizzazione del proprio lavoro in maniera efficiente. La scioltezza con gli strumenti e le modalità del lavoro agile è quindi un’attitudine che va coltivata e stimolata.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°7 Luglio 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top