Now Reading
SpaceX invierà il primo nodo Ethereum alla ISS in collaborazione con SpaceChain.

SpaceX invierà il primo nodo Ethereum alla ISS in collaborazione con SpaceChain.

Avatar

E’ la prima volta che un nodo Ethereum viene inviato nello spazio, un risultato impressionante per l’attuale seconda criptovaluta più grande.

Redazione.

In un recente comunicato stampa, SpaceChain ha rivelato di aver contratto SpaceX per consegnare il nodo tramite il razzo Falcon 9 per raggiungere la ISS.

Il nodo Ethereum è il quarto payload blockchain di SpaceChain per entrare nello spazio e sarà installato da Nexus Inc, un client di SpaceChain. Inoltre, SpaceX utilizzerà anche il suo razzo Falcon 9 per un altro viaggio sulla ISS il 24 giugno 2021, dove saranno necessari tre nodi creati per Biteeu, Divine e Nexus Inc.

SpaceChain ha dichiarato in merito al lancio: “Questo sarà il quarto lancio del payload blockchain di SpaceChain nello spazio e la prima dimostrazione dell’integrazione della tecnologia Ethereum nel suo hardware sulla ISS. La missione è resa possibile grazie a Nanoracks e al suo accordo Space Act con la NASA. “

Il lancio del nodo Ethereum segna un momento entusiasmante per la risorsa popolare e mette in evidenza l’integrazione del mondo reale che è possibile con Ethereum. I nodi Ethereum sono gestiti da individui o operatori di nodi e sono essenzialmente una versione del software client.

Un nodo viene utilizzato per verificare le transazioni per ogni blocco Ethereum, mantiene la rete sicura e garantisce che i dati rimangano accurati. L’integrazione del nodo sull’ISS significa che i clienti di SpaceChain possono utilizzare la blockchain di Ethereum per il loro portafoglio di servizi, che includono prodotti per la sicurezza dei dati e la custodia delle risorse.

La collaborazione dimostra anche il crescente interesse e il desiderio di Elon Musk di portare avanti l’industria delle criptovalute. Sebbene abbia affrontato recenti polemiche a seguito dei suoi commenti sull’efficienza energetica del mining di Bitcoin e il suo aperto sostegno agli asset speculativi, il lancio mostra che Musk ha un chiaro interesse per lo sviluppo dello spazio.

See Also

Tesla, la sua azienda di punta, detiene ancora una parte delle sue partecipazioni iniziali in Bitcoin, nonostante la recente tendenza al ribasso nel mercato delle criptovalute. Il lancio del nodo Ethereum potrebbe anche segnalare l’interesse di Musk per Ethereum così come per Bitcoin e il controverso Dogecoin.

Musk ha rivelato in un recente tweet che Tesla sta “osservando altre criptovalute che utilizzano <1% dell’energia/transazione di Bitcoin”. Con la graduale progressione di Ethereum alla loro versione “2.0” tramite una rete proof-of-stake, il lancio di EIP-1559 e l’introduzione di soluzioni Layer 2, il mining di Ethereum sarà reso obsoleto e segnerà la sua transizione nel sempre crescente “green energy” asset class che ora esiste all’interno del settore.

Con il crescente interesse per Ethereum come risorsa e il primo nodo Ethereum inviato nello spazio, l’integrazione e l’adattamento delle criptovalute in settori e tecnologie emergenti è un segnale promettente che l’industria ha appena iniziato il suo lungo viaggio verso l’accettazione globale.

pubblicità
What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°6 Giugno 2021 P.IVA 15990471003

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top