Now Reading
Start up, imprese, enti di ricerca, università hanno più possibilità di sperimentare in Italia progetti innovativi.

Start up, imprese, enti di ricerca, università hanno più possibilità di sperimentare in Italia progetti innovativi.

A permettere queste opportunità è l’articolo 36 del decreto legge n. 76 del 16 luglio 2020 (Semplificazione e innovazione digitale) convertito con la legge 11 settembre 2020 n. 120.

Redazione. (Fonte: MID)

Imprese, start-up, università e centri di ricerca italiani e stranieri che intendono sperimentare strumenti, prodotti e servizi di innovazione hanno più possibilità di farlo nel nostro Paese anche in deroga a normative vigenti. Affinché progetti, che prima avrebbero richiesto un iter di verifica e approvazione più articolato, possano essere sottoposti a esame, è necessario richiedere l’autorizzazione al Dipartimento per la Trasformazione digitale e al Ministero dello Sviluppo economico i quali, dopo una valutazione approfondita ed eventuale richiesta di ulteriori chiarimenti, potranno approvarla.

A permettere queste opportunità è l’articolo 36 del decreto legge n. 76 del 16 luglio 2020 (Semplificazione e innovazione digitale) convertito con la legge 11 settembre 2020 n. 120. Per rendere più semplice la presentazione della domanda da oggi è disponibile una specifica pagina web  https://innovazione.gov.it/sperimentazione-italia/ nella quale sono stati inseriti anche i moduli necessari. 
In Italia la sperimentazione di scoperte e invenzioni tecnologiche è talvolta resa difficile, se non impedita, da disposizioni e divieti non sempre al passo con i tempi. E’ invece necessario rispettare l’ordinamento giuridico e tuttavia non bloccare il potenziale sviluppo di idee innovative che non comportino danni per salute, natura e società e ogni soggetto o entità meritevole di tutela.

Rispetto ad altri Paesi dell’Unione europea l’Italia investe meno in ricerca e innovazione. La norma che permette più di prima questi collaudi, chiaramente con le dovute condizioni di sicurezza, può essere riassunta con un’espressione: ‘Sperimentazione Italia’. Il suo scopo è far emergere il potenziale inespresso di tutti quei soggetti capaci di avviare progetti basati su nuove tecnologie in grado di portare vantaggi al Paese. Nel facilitare in questo campo attività nazionali e provenienti da altri Paesi, l’Italia può e deve diventare un laboratorio di innovazione.

Per dare avvio a questa procedura sarà sufficiente presentare domanda al Dipartimento per la Trasformazione digitale e al Ministero dello Sviluppo economico che, a seguito di un’analisi approfondita sulla richiesta, possono autorizzare la sperimentazione definendone le caratteristiche e le modalità nelle quali andrebbe eseguita. Al termine della sperimentazione, l’impresa richiedente sarà tenuta a trasmettere al Dipartimento per la Trasformazione digitale e al Ministero dello Sviluppo economico una relazione sui risultati ottenuti e sui benefici economici e sociali conseguibili. Il Dipartimento potrà quindi inviare al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro competente per materia un parere sull’eventuale opportunità di modificare norme vigenti in modo da consentire la prosecuzione dell’attività in via non più eccezionale.

See Also

Le richieste di autorizzazione possono essere inviate tramite posta elettronica certificata al Dipartimento della Trasformazione digitale e al Ministero dello Sviluppo economico presso i seguenti indirizzi:  dtd.sperimentazioneitalia@pec.governo.it;  dgpiipmi.div06@pec.mise.gov.it

Ulteriori informazioni per la presentazione delle richieste sono disponibili sul sito del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione:  https://innovazione.gov.it/

What's Your Reaction?
Contento
0
Emozionato
0
Innamorato
0
Non sono sicuro
0
Sciocco
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

© 2019 Digitude.it - Iscrizione registro Tribunale di Roma n.131 del 10/10/2019
Anno III N°1 Gennaio 2021

Direzione Redazione Via Saronno 65 00188 Roma

Tel 06297174 | 3318967481 | 3391586440
redazione@digitude.itgiovanni.pugliese@digitude.itinfo@digitude.it
advertising@digitude.it - sviluppo@digitude.it

Scroll To Top